Categoria: bambino

Come aiutare i bambini ad elaborare il trauma

E’ necessario dare messaggi chiari, trasmettere al bambino le informazioni in modo aperto e sincero, soprattutto riguardo quello che è successo, quello che sta succedendo e quello che succederà.

Le spiegazioni devono tenere conto ovviamente dell’età del bambino. I genitori sono le persone più indicate per informare e preparare il bambino, se questo non è possibile allora deve farlo una persona che il bambino conosce bene, di cui si fida.

Deve esserci il tempo e la tranquillità necessaria per parlare. L’adulto deve ascoltare le domande del bambino e rispondere con sincerità, accettare e rispettare le emozioni del bambino.

I bambini reagiscono in modo diverso, alcuni piangono o protestano oppure negano la realtà, altri dimostrano apatia e si comportano come se non avessero sentito quello che gli è stato appena spiegato, ma devono avere la possibilità di poter riprendere l’argomento con le loro domande e di ricevere risposte sincere.

Se non ci sono risposte, allora bisogna dirlo al bambino, i bambini questo lo capiscono.

È importante ricorrere a volte al supporto di uno psicoterapeuta, soprattutto se le persone con cui vive il bambino non sono in grado di aiutarlo.

L’intervento terapeutico è in genere di breve o media durata ed è importante non solo per risolvere il problema emotivo post-traumatico ma anche come prevenzione di difficoltà future.

il trauma nei bambini

I bambini e le loro emozioni

I bambini e le loro emozioni

Le reazioni di un bambino alle diverse situazioni in cui è coinvolto sono diverse, a seconda della loro età evolutiva e dell’importanza emotiva dell’evento, della violenza o della perdita.

I bambini, in genere, hanno difficoltà a verbalizzare le loro emozioni. Le emozioni vengono espresse attraverso irrequietezza, agitazione, scoppi di rabbia, paura del buio, problemi di sonno, incubi e paura dell’abbandono.

Possono anche riferire sintomi fisici come mal di testa o di stomaco.

Quando i bambini scoppiano a piangere o diventano molto tristi apparentemente senza motivo, allora può voler dire che stanno lottando con il dolore e che hanno bisogno di aiuto.

Il trauma nei bambini

Come aiutare i bambini ad elaborare il trauma

Consultazione con i bambini e sostegno alla coppia genitoriale

Nella consultazione con i bambini lo scopo è quello di individuare i blocchi evolutivi che si sono determinati  a seguito di vissuti che hanno generato malessere e di valutare le possibilità evolutive di ogni bambino insieme all’intervento psicoterapeutico più adeguato per favorirne l’espressione.

L’attenzione è focalizzata sull’analisi delle differenti modalità con le quali il bambino può comunicare attraverso il gioco o il linguaggio i propri stati d’animo e vissuti nelle varie fasi della sua crescita per elaborare e risolvere quanto ha generato in lui sofferenza.

Importante  sarà l’analisi di quanto portano i genitori anche in termini di aspettative che spesso sono basate su propri fantasmi e vissuti interni

non elaborati e non su una comprensione realistica del bambino come persona separata. Solo successivamente a ciò si potranno prendere in considerazione le conseguenze che tali aspettative hanno sul bambino stesso. I sintomi più frequenti sono ansia, fobie, sintomi depressivi, iperattività, forte aggressività e distruttività, problemi alimentari, insonnia, enuresi ed encopresi, problemi legati all’apprendimento etc…)